“Evita, coglione!”. Quando l’intellettualoide si incazza.

 

intellettuali.jpg


Franco Cascio Ma che roba è? Sembra un raduno di intellettualoidi frustrati che ad agosto non se li caga nessuno.

Lo ammetto, forse ho esagerato un po’. Ma non ho saputo resistere alla tentazione di scrivere quel commento nel vedere su Facebook la foto di un gruppo di persone in arrotolate maniche di camicia sedute attorno a un tavolo sotto il sole di un caldo pomeriggio a ridosso di Ferragosto impegnate nella presentazione di un libro.

Chi non avrebbe definito quello un raduno di intellettualoidi?

Evidentemente sarà stato allora il “frustrati” a fare incazzare (e di brutto) uno che in quella foto si è riconosciuto e che quel mio commento ha avuto modo di leggere.

Evita di offendere”,  mi ha quindi scritto in privato. “Evita”, tra consiglio e minaccia. Più minaccia a dire il vero.

Hai scritto una fregnaccia”, ha aggiunto.

Ho precisato che non era mia intenzione offendere qualcuno in particolare e mi sono così appellato alla sacrosanta libertà di espressione.

Coglione”, è stata la risposta dell’intellettualoide. Poi è scomparso.

Beh … alla fine io gli ho dato dell’intellettualoide frustrato, lui del coglione.

Non so a chi è andata peggio.

P.S. Non è la prima volta che mi imbatto in intellettualoidi. Sarà un caso. O forse no.

 

“Evita, coglione!”. Quando l’intellettualoide si incazza.ultima modifica: 2013-08-29T16:45:00+00:00da fracascio
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su ““Evita, coglione!”. Quando l’intellettualoide si incazza.

Lascia un commento