Arnone santo (e sindaco) subito!

“ … vengo dato come   il praticamente certo vincitore delle elezioni a sindaco di Agrigento   della prossima primavera 2012”. Nemmeno Leoluca Orlando, nel periodo della “primavera”, quando 7,5 palermitani su 10 votavano per lui, avrebbe detto una cosa del genere. In ogni caso, l’ex sindaco della Rete, politico navigato qual è, una corbelleria come questa non se la sarebbe mai … Continua a leggere

Fare politica costa.

Il gran parlare sui tagli ai costi della politica non ha risparmiato nessuno: dal parlamentare al consigliere regionale, passando per sindaci, assessori, consiglieri comunali e provinciali. Tutti inesorabilmente catapultati dentro a quel calderone definito casta. Al grido “fuori i soldi dalla politica” , ad esempio, un movimento che politico non è, che rappresenta anzi l’antipolitica, ha raccolto 10.000 firme per … Continua a leggere

I miei buoni propositi per il 2012

    Alla fine di ogni anno, immancabilmente, ci si ritrova a fare una lista di buoni propositi per quello che sta per arrivare. Buoni propositi che puntualmente non saranno mantenuti. Il più delle volte, addirittura, vengono dimenticati intorno alle 10,30 del 2 gennaio.  Questo perché si prendono impegni troppo difficili da mantenere: smettere di bere e di fumare, andare … Continua a leggere

Sul Natale ..

Fare considerazioni sul Natale senza correre il rischio di cadere nella retorica è impresa assai ardua. Ci provo. L’appello ad essere più buoni in occasione della festa più importante dell’anno penso ci stia tutto. Non ci sta invece la considerazione secondo la quale  “buoni si dovrebbe esserlo sempre, non solo a Natale…” Non sono d’accordo. Va bene così, invece. Il … Continua a leggere

La casellante “irreperibile” del delitto Impastato.

E’ parecchio inquietante  il fatto  che spunti solo oggi, dopo quasi 34 anni, l’addetta al casello ferroviario in servizio la notte in cui fu ucciso il povero Peppino Impastato. E ancor più inquietante è che Provvidenza Vitale, oggi ottantacinquenne, non si sia mai mossa da Cinisi. I carabinieri ai tempi la dichiararono irreperibile, trasferitasi negli Stati Uniti. Invece la signora ha passato tutta … Continua a leggere

L’avversario sconfitto non si dileggia.

Nel calcio, come dal resto in qualsiasi altro sport , esiste una regola non scritta ma sacra: l’avversario sconfitto non si dileggia. E’ ammesso  farlo solo attraverso i pittoreschi cori da stadio: primo perché lo sfottò avviene in maniera palese, secondo perché l’ironia che li contraddistingue li rende tollerabili a volte anche agli stessi destinatari. Infine, perché  sono parte integrante  della … Continua a leggere

Giovanni “Maronna”

  Nel mio paese, Terrasini, c’era un personaggio curioso. Andava in giro stringendo tra le mani un barattolo sul quale erano incollate alcune immagini sacre. Si chiamava Giovanni, ma poiché menzionava costantemente la Madonna nel chiedere un’offerta gli fu affibbiato il soprannome di Giovanni “Maronna”.   Giovanni lo si poteva definire uno  schonrrer, la meravigliosa figura della cultura yiddish, il mendicante … Continua a leggere

Attentato!!! I fanatici dell’antimafia.

Il caso emblematico fu quello di Maricetta Tirrito. Attivista della Rete di Leoluca Orlando negli anni della primavera, quando era parecchio facile inebriarsi dei fumi dell’antimafia, l’allora ventiduenne Tirrito, affascinata dalle auto di scorta che sgommavano veloci, ammaliata dalle icone antimafia super protette,  cominciò a denunciare una serie di aggressioni subite da sconosciuti tanto da riuscire ad ottenere la tutela … Continua a leggere

Splatter Baby. Il nuovo libro di Alessandro Cascio.

    Non so chi sia Alessandro Cascio e il fatto che porti il mio stesso cognome è soltanto una curiosa coincidenza. Però è davvero bravo questo scrittore e il suo ultimo libro, da oggi in vendita, è davvero superbo. Splatter Baby (Editore Il Foglio, pag.160, euro 12) è una di quelle storie che vi terrà incollati al libro fino … Continua a leggere

I beni confiscati e la proposta del Prefetto.

  La proposta un po’ provocatoria del Prefetto di Palermo   Umberto Postiglione (Vendiamo all’asta le proprietà inutilizzate ai mafiosi ..)  non è in fin dei conti sbagliata. Certo, l’affermazione successiva del rappresentante del Governo  (.. se le ricomprano loro vuol dire che gliele riconfischeremo) è piuttosto azzardata, anche  perché il Prefetto sa bene quanto lunghe e farraginose siano le operazioni … Continua a leggere